Roccavignale - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Roccavignale
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: DA VEDERE
 Nel fondovalle del torrente Zemola, lungo un percorso viario di grande suggestione che unisce Valzemola all’antico castello dei Del Carretto, è possibile ammirare la possente struttura di un dolmen, testimonianza delle popolazioni più antiche che abitarono il territorio. Il Medioevo è richiamato poi dai suggestivi resti del castello feudale, recentemente restaurato; nella grande piazza d’armi del maniero vengono ospitati oggi mostre e spettacoli che, nella cornice medievale, suscitano echi di quel lontano passato.
 Altrettanto significativo è l’ardito ponte medievale ad una sola campata, lanciato sullo Zemola a poca distanza dal castello, sulla via del Piemonte. Sono suggestive le tracce religiose, come l’antica cappella di San Martino, originaria dei secoli XII-XII, che oggi ospita la Biblioteca intercomunale; nel cuore della frazione Strada campeggia l’ampio portico della Madonna degli Angeli, chiesa risalente al XVI secolo, cui fa da cornice un borgo dalle medievali linee architettoniche. A metà costa sorge la moderna chiesa parrocchiale di Sant’Eugenio, costruita di recente in luogo dell’antica chiesa presso il castello; quest’ultima, probabilmente già esistente nel secolo XIV, domina imponente i resti del maniero sottostante.
Il municipio  Sant’Elena di Pianissolo e San Rocco di Camponuovo accoglievano i viandanti che scendevano dal Piemonte, mentre a ridosso del guado dello Zemola offriva protezione la chiesina di Sant’Antonio, recentemente restaurata.
 Le colline di Roccavignale offrono al turista una gamma di passeggiate facilmente percorribili e di forte suggestione. Singolarità di questo percorso sono soprattutto le antiche “polveriere”, piccole e rudimentali fabbrichette di polvere da sparo che funzionarono sino al XIX secolo.
Castello di Roccavignale.
 Eretto nel Medioevo dai marchesi Del Carretto fu costruito, con pianta trapezoidale, per la difesa del borgo e dell'intera valle del torrente Zemola. Nel 1796, durante l'assedio di Napoleone Bonaparte, fu dato alle fiamme così come il borgo sottostante.