Roccavignale - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Roccavignale
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: ROCCAVIGNALE
 Roccavignale Ŕ un comune di 725 abitanti della provincia di Savona.
 Il comune Ŕ situato nell'alta Val Bormida, al confine con la provincia di Cuneo. Il suo territorio comunale fa parte della ComunitÓ Montana Alta Val Bormida. Dista dal capoluogo circa 30 km
 Roccavignale Ŕ il comune ligure pi¨ verde: il 75% del territorio Ŕ ricoperto di vegetazione. L'abbondanza di vigneti ha dato il nome a questo centro rurale dell'alta val Bormida al confine col Piemonte: "Vineale" nel medioevo, quando divenne feudo imperiale, ma la presenza umana nel territorio Ŕ molto pi¨ antica, come testimonia il dolmen in localitÓ Ghiare.
 Appartenne ai Del Carretto, che tennero l'investitura del feudo anche nel 1393, quando il borgo fu ceduto ai marchesi del Monferrato. Nel 1735 il Regno di Sardegna lo inglob˛ nei propri possedimenti.
 A Zemola sono ancora visibili i resti del castello a pianta trapezoidale della famiglia Del Carretto (XII-XIII secolo), antica difesa delle strade in val Zemola.
 L'insolita posizione del castello, che si trova a valle rispetto all'abitato, Ŕ spiegata da uno dei "privilegi" di cui godeva il feudo, la riscossione delle gabelle per il transito sulla via del sale.
 Accanto al maniero si trovano Sant'Eugenio, rifacimento seicentesco di una chiesa romanica, e un mulino ad acqua costruito nell'800, ancora funzionante. Tra gli edifici religiosi sono notevoli la cappella dedicata a San Martino e Sant'Anna, a Strada, costruite nel XVI secolo con pianta a croce greca, e la cappella della Madonna degli Angeli del XV secolo, che conserva all'interno una statua settecentesca del Briglia.
 Una particolaritÓ di questa zona Ŕ l'antico dialetto degli abitanti, soprattutto in localitÓ Strada, che presenta caratteri del tutto originali, mentre la buona cucina locale ha assimilato qualche tratto dal vicino Piemonte.
 Il toponimo Roccavignale deriverebbe, secondo le fonti locali, da Rocca Vineale per l'abbondanza delle vigne sul territorio comunale. La prima citazione ufficiale del comune risale al 998 dove, con il solo nome di Vineale, viene inserito in un diploma imperiale. In seguito fu possesso dei marchesi Del Carretto che qui costruirono un castello per la difesa del borgo.
 Nel 1393 gli stessi marchesi cedettero il paese al Marchesato del Monferrato, conservandone per˛ l'investitura ufficiale. Fu quindi annesso al Regno di Sardegna nel 1735 e nel successivo Regno d'Italia nel 1861.